Chiesa di San Maurizio, St Moritz neoromanica

di
Chiesa di San Maurizio, St Moritz © Jordan Lessona

La torre a croce è preludio moderno al suo profilo neoromanico di pietra grigia. Lo intuisco mentre cammino via Maistra, e passo dopo passo arrivo davanti alla scalinata che porta sull’ampio sagrato della chiesa di San Maurizio a St. Moritz.

Eretta nel 1867 su progetto dell’architetto Ferdinand Nascher, venne consacrata il 29 luglio dal cancelliere vescovile Appert come luogo di culto cattolico. Fu quello l’anno in cui questa zona della Svizzera ebbe finalmente il suo edificio ecclesiastico dedicato al militare romano, venerato come santo.

Da allora sino al 1972-73 tutto o quasi rimase come all’atto della costruzione. Poi, però, il tempo e la necessità di darle nuova forma pur non tradendone lo spirito hanno reso necessario un ammodernamento per la chiesa di San Maurizio.

Una delle vetrate nella chiesa di San Maurizio, St Moritz © Jordan Lessona

Una delle vetrate nella chiesa di San Maurizio, St Moritz © Jordan Lessona

Così, all’esterno, sono stati aggiunti la casa parrocchiale, la salita verso la struttura religiosa, la moderna torre a croce, e risistemata la facciata. Ma è dentro che i fedeli più anziani di qui distinguono il cambiamento maggiore.

Infatti l’interno della chiesa di San Maurizio è stato trasformato completamente dall’architetto J. Malloth: niente ornamenti inutili, quasi al limite del minimalismo, solo fine essenzialità per meglio entrare in comunione con Dio.

Ciò che rende speciale questo edificio neoromanico a navata unica è la luce calda e densa che filtra attraverso le vetrate realizzate dall’artista zurighese Enrico Leone Donati. Si riflettono screziate sulle pareti bianche regalando loro sfocature caleidoscopiche.

Secondo la Bibbia Dio è luce, vestito di luce, origine di tutta la luce. Rapito da questo sfavillio, ne seguo i disegni irreali sino all’altare della chiesa di San Maurizio: semplice, come tutto il resto, sembra quasi spoglia.

Prima di uscire, guardo ancora una volta l’interno: il silenzio irreale frammisto di luce viva mi regala un senso profondo di infinito. Con questa sensazione unica nel cuore sono pronto per scendere sotto, nella cappella rupestre scavata nella roccia.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Chiesa di San Maurizio, St Moritz neoromanica"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...